Un po’ di sano egocentrismo – alias: vacanze estive

Lasciando perdere il fatto che queste vacanze sono state tutto tranne riposanti, agosto è stato il periodo meno riposante di tutti – e non è ancora finito, evviva ç_ç. Tra fine luglio e inizio agosto ero nel modenese per il famoso matrimonio, e mentre non ero impegnata a farmi salire il panico fotografavo gli adorabili micini dei genitori dello sposo, presso cui stavamo. Erano uno rosso e uno nero, e non sapevamo se erano maschi o femmine o un maschio e una femmina. Così, da brava appassionata di Game Of Thrones, fregandomene della nipotina che li aveva chiamati Nerone e Emma, li ho rinominati Jon e Ygritte o, nel caso il rosso fosse maschio, Jon e Robb.

Ygritte (o Robb, a seconda dei casi)

Jon. Era una peste (adorabile) *-*

Combattimento interrotto da un sasso lanciato

Dopo il matrimonio io e il mio ragazzo abbiamo passato un paio di giorni dal mio migliore amico (altresì noto come Fraffo), per riposarci prima di partire per Sanremo dove lui e la mia migliore amica, Valeria aka Vale, sarebbero stati ospitati da me per dieci giorni. A parte un viaggio di quattro ore in macchina di cui una passata in coda in tangenziale, siamo arrivati a casa mia, appena in tempo per far andare il mio ragazzo alle prove con il suo gruppo, al termine delle quali ci siamo diretti – noi tre, lui è rimasto a casa sua che era stanchissimo – a casa mia. Tralasciando l’odissea per trovare parcheggio – chi c’è stato sa di cosa parlo, e chi non c’è stato non può capire -, il tempo di metterci il costume eravamo già in spiaggia. Erano più o meno le cinque e mezza, ed essendo noi delle mozzarelle che più bianchi non si può, quello era l’orario migliore per evitare scottature. Così, al contrario dell’anno scorso, hanno passato più tempo in acqua che fuori. La sera ci siamo guardati lo Svarione degli Anelli 1, dopo aver trasformato camera mia in un accampamento. Il giorno dopo, sveglia all’alba delle 11, ci siamo dedicati all’ozio, ovviamente non trascurando la tappa al mare. Abbiamo passato il week end in un paesino in montagna chiamato Verdeggia, che è l’unico posto della Liguria di cui mi sono innamorata.

Allegria portami via

Il lunedì seguente è stato dedicato al mare con due mie compagne di classe, tra sclerate, risate e gelati. Come se non bastasse, qualche giorno dopo c’è stata la grigliata sulla spiaggia, come l’anno scorso, con l’unica differenza che stavolta ci siamo ricordati piatti bicchieri posate tovaglioli di plastica e carta. Dopo aver fatto la spesa al Lidl – “noleggiando” un carrello – ci siamo accampati sulla spiaggia vicino alla casa del mio ragazzo, e mentre gli esperti scout hanno iniziato ad accendere il fuoco, noi “cicale” ci siamo messi a cantare e suonare. Non per fare sempre Miss-so-tutto-io, ma la carne non è bastata, come previsto, ma avevo saggiamente preso delle crostate, del pane e della nutella tarocca – ma più buona – e ci siamo arrangiati così. Poi, finalmente… Bagno di mezzanotte. Che è stato una figata totale, almeno finché uno non è stato beccato da una medusa. Dopo aver tentato inutilmente di dormire un po’, anche se i progetti erano di fare after, ci ho rinunciato e ancora freddolosa per via dei capelli umidi mi sono spostata accanto al fuoco, dove io e la Vale (sì, sono lombarda e metto l’articolo davanti ai nomi propri.) abbiamo iniziato i canti celticheggianti. Ci siamo poi trasferiti sugli scogli a cercare il portafogli di Fraffo che, leggermente brillo, l’ha perso e se n’è accorto qualche ora dopo. Ma il dramma è stato sventato dall’investigatrice con la vista di falco – io – e tutto è andato a finire bene. Quindi, a questo punto alcuni si sono rintanati in tenda (mah ._.), altri se ne sono andati e noi irriducibili abbiamo atteso l’alba. E la mitica golden hour, in cui io sono letteralmente sclerata urlando ogni secondo “Oddio che bella luce, che luce meravigliosa non è possibileeeee! No ecco stai fermo/a così che la luce è troppo bella!” e armata di macchina fotografica ho fatto un’infinità di foto.

Il carrello preso in prestito

L’alba

Poco stanchi…

Il mio ragazzo e la golden hour

Vale e le facce molto intelligenti di Fraffo

Inutile dire che appena arrivati a casa ci siamo buttati a dormire perché non ce la facevamo più. Il giorno dopo ancora mare, con il mio ragazzo, un suo amico e la sua ragazza, in cui ne abbiamo approfittato per fare qualche foto di gruppo con una faccia un po’ meno sonnolenta (che non mostrerò :3). Il giorno successivo Fraffo e la Vale sono dovuti partire, e dopo qualche piccolo intoppo (Fraffo ha chiuso le chiavi nel baule – e prima non aveva aperto la macchina) sono riusciti ad arrivare sani e salvi a destinazione.

Qualche giorno più tardi sono andata nuovamente a Verdeggia con il mio ragazzo, suo padre, suo fratello e la sua ragazza, Ariadny, e ne ho approfittato per farle alcune foto visto che è stata così gentile da acconsentire a essere la mia modella – e siccome sono in tale disperato bisogno di modelli/e non mi sono fatta scappare l’occasione.

 

Il giorno dopo siamo andati a Triora, detto Paese delle Streghe, perché c’era una festa tipica. Oltre alle classiche bancarelle c’era anche un gruppo che suonava, e ho approfittato anche di quest’occasione per fare delle foto. In pratica, sono tornata a casa e avevo qualcosa come 400 foto tra arretrati e nuovi scatti da sistemare. Un incubo. Ma ne è valsa la pena.

Triora e le bancarelle di Strigora

Gli altri due photoreporter

Le lenti inquietanti

Ariadny e il corsetto appena comprato

Et voilà. Ho finito, e ho sfogato il mio egocentrismo in modo “sano”. Alla prossima!

Ps. Alcune delle foto finiranno su flickr, quindi se state morendo dalla voglia di favvarle (fiducia riposta inutilmente, ahimè) abbiate pazienza e le troverete. O se volete segnalarle al gruppo “Ugliest photos ever” (più probabile) che non so se esiste ma facciamo finta che ci sia, continuate ad avere pazienza. ;)

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...